La celebre mitezza del suo clima lo hanno reso una favolosa meta turistica non solo per gli sportivi ma anche da chi cerca di godersi tutto il fascino della natura

Il clima sul Monte Martica

Si può tranquillamente affermare che il clima di tutto il territorio del Monte Martica rientra in quello della più ampio rappresentato dalla regione temperata padana, con la piccola particolarità dovuta alla vicinanza dei laghi e delle Alpi che gli infondono alcuni caratteri peculiari.

Ad esempio le escursioni annue sono minori: rispetto alla pianura padana l'inverno è generalmente più mite, con medie di 2 gradi nel mese di gennaio, e di conseguenza le estati più leggermente più fresche, con una temperatura media di 19-22 gradi nel mese di luglio.

Se si sconfina sui laghi vicini, le condizioni sono ulteriormente più favorevoli di alcuni gradi: questo spiega la grande fama turistica che ha guadagnato il Monte Martica nel corso degli anni, che da sempre ha attirato le attenzioni degli amanti della natura e di coloro che potevano permettersi una vacanza fuori dalle grandi città, e che oggi rappresenta un vero paradiso per gli appassionati di mountain bike e degli sport praticati all'aria aperta.

Nel corso dell'anno le pioggie non sono scarse, ma distribuite in maniera abbastanza uniforme: in inverno infatti il cielo è di solito soleggiato.

In estate i temporali non sono rari, al contrario la grandine è decisamente episodica.

Come tutte le quote sopra i mille metri, anche sul Monte Martica la neve è un fenomeno annuo costante, anche se generalmente permane mediamente per non troppi giorni.

La ventilazione generalmente soffia con il regime delle brezze: è buona ma la sua debolezza la rende un fenomeno di scarsa percepibilità.

Ma è proprio grazie a questa brezza che l'umidità non è mai elevata, le nebbie sono praticamente sconosciute così come i giorni di caldo afoso, con eccezioni però sempre più evidenti man mano che si discende verso la pianura.